Gica Design, il caso studio della tesi di Laurea Magistrale

23 febbraio 2017

Il caso studio della tesi di Laurea Magistrale in Strategia e Valutazione d’Azienda.

Titolo
I percorsi di innovazione strategica nelle aziende: il caso Gica Design

È stata discussa martedì 14 febbraio 2017, presso l’UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI NAPOLI “PARTHENOPE” – DIPARTIMENTO DI STUDI AZIENDALI ED ECONOMICI, la tesi di laurea in STRATEGIA E VALUTAZIONE D’AZIENDA dal titolo I percorsi di innovazione strategica nelle aziende: il caso Gica Design. A redigerla è stato il dottor Davide D’Elia che, con il massimo dei voti – 110 e lode –, si è laureato presentando un lavoro di tesi sulla realtà imprenditoriale casertana.

“Quando la scorsa estate – ha raccontato D’Elia – ho conosciuto la Gica Design avevo già individuato con il mio relatore, il prof. Raffaele Fiorentino, l’argomento della tesi. Ho presentato successivamente il caso aziendale al prof. Fiorentino che, come me, ha ritenuto interessante il percorso di innovazione strategica intrapreso dalla Gica e dunque abbiamo, senza esitare, deciso di analizzare con l’ausilio di modelli e strumenti sviluppati in dottrina, il percorso di cambiamento che Gica Design sta compiendo.

Una delle sfide più avvincenti che le aziende affrontano lungo la loro vita utile riguarda, infatti, il cambiamento strategico. L’obiettivo del lavoro è stato quello di indagare le modalità mediante le quali le aziende, grazie all’individuazione di nuovi campi di gioco e nuove regole competitive, potessero innovare se stesse e il proprio business.

È questo, infatti, uno dei motivi per cui Gica Imballaggi ha deciso di riorientare l’intero sistema aziendale al fine di avviare un percorso di innovazione che avesse alla base del processo di cambiamento la sostenibilità ambientale.

Con la nascita nel nuovo ramo aziendale, l’offerta professionale è rivolta sia ad aziende che a privati, nonché al settore pubblico. L’elemento cardine che dovrebbe accomunare i potenziali clienti, è senza dubbio il sano desiderio di dotarsi di componenti di arredo a bassissimo impatto ambientale. Prodotti di arredo diversi dai soliti, basti pensare non solo alla sostenibilità ambientale, ma anche all’opportunità di personalizzare l’arredo secondo i propri spazi e i propri gusti. La possibilità di utilizzare il legno proveniente dalla produzione degli imballaggi, legno vergine, ma che rappresentava pur sempre uno scarto di produzione, inoltre, garantisce efficienza al processo e rende la formula strategica davvero innovativa.